Riflessioni Formative: la Solitudine Pandemica

CONDIVIDI L'ARTICOLO: se lo reputi interessante, potrebbe essere utile anche a qualcun altro!

Tempo di lettura: 2 min.


L’esperienza pandemica ha riportato in evidenza il tema della solitudine.

Un’espressione, la solitudine, con una duplice valenza:

  • quella dell’isolamento, dell’emarginazione
  • e quella dell’appagamento e del senso di completezza in sé stessi.

???? Le personalità estroverse, così definite da Jung nel suo libro Tipi psicologici, tendono a trovare la propria pienezza immergendosi nelle relazioni, tra la gente, anche in senso fisico, nei rapporti interpersonali.

Per loro la solitudine è spesso dolorosa, o comunque spiacevole, e corrisponde al rimanere fuori del mondo, scollegati, persi nel vuoto abissale di sé stessi.

Essere vivi equivale ad essere insieme agli altri ???? cellule di un organismo straordinario, fatto di persone, comunicazione, scambio, contraddizione, integrazione, condivisione. Meravigliosa percezione!

È qui che nei momenti di difficoltà si torna a recuperare le energie, a riprendere l’equilibrio emotivo, a sentire la vita.

Non poter incontrare gli altri è una privazione forte ed in certi casi insopportabile. La solitudine depotenziante percepita dall’estroverso è quella che in lingua inglese viene definita loneliness, abbandono.

???? Le personalità introverse, al contrario, trovano la propria pienezza, l’equilibrio, l’appagamento e la quiete nel rimanere abbracciate a sé stesse, nel proprio animo, a stretto contatto con il proprio cuore, nell’intimità dei propri pensieri, in un ambiente accogliente e confortevole dove cogliere l’intensità ed il senso di sé e delle cose. Anche questa è una meravigliosa percezione!

La lingua inglese risponde a questa definizione con l’espressione aloneness, la solitudine magica e avvolgente, il tempio interiore.

Dovremmo gli uni imparare dalla sensibilità degli altri, ed apprezzare il fascino dell’essere sociali così come la magia della aloneness.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è La-solitudine-pandemica-3.jpg

Ma ora, di quale solitudine si parla, in tempi di pandemia?

Naturalmente di entrambe.

In una visione costruttiva, spinti dal desiderio di cogliere sempre e comunque le possibili opportunità, a prescindere dalle caratteristiche di personalità, tutti possiamo imparare a trarre vantaggio dalla aloneness.

L’isolamento sociale, fisico, forzato, può averci sospinti a stare maggiormente con noi stessi, ad ascoltarci di più, ad imparare il linguaggio interiore e a cogliere gli aspetti piacevoli dell’intimità personale. In altre parole, ad equilibrare la tendenza verso un’evasione a volte eccessiva, di fuga da sé, che in alcuni casi può essere sintomo di sofferenza, ma che può persino alimentarla.

D’altra parte, abbiamo affrontato e stiamo ancora affrontando l’isolamento fisico, soccorsi dalla salvifica realtà digitale della rete internet, dei social media, delle videocomunicazioni, che ci hanno permesso di attutire quella che diversamente sarebbe stata una loneliness senza precedenti.

Dunque, in attesa del vaccino biologico, abbiamo avuto a disposizione un vaccino digitale, socio-relazionale, che ci ha consentito di non perdere le connessioni e di poter comunque interagire. 

E a proposito possiamo dire che l’avvitamento su sé stessi, che in un contesto diverso avrebbe potuto generare anch’esso stati di depressione e perdita di identità, grazie a queste risorse, si è potuto in parte contrastare.

Adesso, aspettando di poter tornare a guardarci negli occhi veri, a stringerci le mani e tra le braccia, possiamo provare ad arricchirci riscoprendo il piacere di stare con noi stessi come non abbiamo mai fatto in passato;

e al contempo godere della possibilità di mantenere le relazioni con gli altri, grazie agli strumenti digitali, come nessun’altra generazione, in altri tempi ha mai potuto fare!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è La-solitudine-pandemica-2.jpg

Ti interessa l’argomento?

Leggi anche ????

Q&A: L’isolamento forzato rinforza il bisogno di aggregazione o ci abitua alla solitudine?

Q&A: Come posso combattere le emozioni negative?

News: L’automotivazione ai tempi del Covid-19.

__________________

Vuoi imparare a gestire la tua motivazione e i tuoi stati emotivi? Dai un’occhiata ai nostri corsi di Automotivazione e Pensiero Positivo e Gestione delle Emozioni e Stabilità Emotiva.

✅ Per scoprire tutti gli altri corsi, clicca qui.

Picture of Claudio Venuto

Claudio Venuto

Esperto di comunicazione, intelligenza motiva, automotivazione e miglioramento personale. Fondatore del progetto Realize Yourself®.

Formatore, Personal Coach, Trainer psicologico e Consulente filosofico. Autore, ricercatore.

Cerca

Seguici su Facebook!

Realize Yourself nasce da un sogno: il desiderio di capire quali conoscenze e capacità sono importanti per sentirsi realizzati.

Tutto è iniziato con l’amore per la filosofia, orientale ed occidentale, per la scienza, per quegli uomini che nella storia dell’umanità hanno sentito il desiderio di impegnarsi per capire il senso delle cose.  La psicologia, la linguistica, l’intelligenza emotiva.

Questo, oggi, dopo tanti anni di esperienza, è il percorso formativo Realize Yourself: il primo Master integrato e completo per la Crescita e la Realizzazione Personale.

Ti auguro di trovare, lungo il cammino, ciò di cui hai bisogno per essere felice!

leggi gli Ultimi Post:

Weekly Tutorial